Statuto

PREAMBOLO

Se il perseguimento dello sviluppo richiede un numero sempre più grande di tecnici, esige ancor di più degli uomini di pensiero capaci di riflessione profonda, votati alla ricerca d’un umanesimo nuovo, che permetta all’uomo di ritrovare sé stesso, assumento i valori superiori d’amore, di amicizia, di preghiera e di contemplazione. (Populorum Progressio, n. 20)

La F.U.C.I., Federazione Univesitaria Cattolica Italiana, nata nel 1896 dall’unione di circoli universitari cattolici esistenti in alcune città d’Italia, è una  aggregazione ecclesiale di gruppi di studenti universitari che, negli anni dello studio e della formazione, vogliono percorrere insieme un cammino di fede e di crescita culturale, vivendo un’esperienza di Chiesa nel solco della tradizione centenaria della Federazione.

La F.U.C.I. si riconosce pienamente nelle note caratteristiche dell’azione cattolica indicate nell’Apostolicam Actuositatem1 e nei criteri di ecclesialità espressi nella Christifideles Laici. Nel desiderio di essere luogo in cui si possa realizzare ed esprimere la missione evangelizzatrice della Chiesa, la F.U.C.I. promuove cammini formativi, di maturazione spirituale, di approfondimento teologico e di arricchimento culturale e offre una testimonianza di vita cristiana nella cura per gli studenti universitari. In particolare, la F.U.C.I. riconosce come proprie le finalità e la missione dell’Azione Cattolica Italiana, mantenendone viva l’attenzione per la realtà universitaria e interpretandone lo stile in questo specifico ambiente.

Dalla tradizione dell’Università la F.U.C.I. assume il metodo della ricerca come stile di approccio alla realtà, attraverso la disponibilità alla fatica del pensare, ad esaminare i problemi e a discutere criticamente sui contenuti che vengono trasmessi, per scoprire la gioia di uno studio che non si accontenta di tesi precostituite, ma che ama sinceramente l’indagine. La riflessione teologica, biblica e culturale è lo strumento di formazione che la F.U.C.I. propone a ciascuno affinché possa confrontare se stesso con le questioni nodali che riguardano l’uomo e che innervano tutta la cultura e affinché gli anni della vita universitaria possano rivelarsi fecondi per chi voglia aprirsi alla ricerca della Verità mediante un approfondimento critico della fede coerente con la propria maturità culturale.

Le proposte della F.U.C.I. sono caratterizzate dallo stile della mediazione culturale, intesa come sintesi vitale di fede e cultura, come dialogo fra i contenuti della fede e le acquisizioni culturali di ciascuno. Vissuta nelle dimensioni della condivisione, del confronto e della missione, la mediazione culturale ricerca i semi e i frutti del bene anche nell’alterità e nella differenza, rendendo accoglienti senza confusioni e capaci di dialogo senza prevaricazioni.

La F.U.C.I., nel suo intento formativo, dedica un’attenzione particolare ad una intensa vita spirituale che si alimenta nel tempo della preghiera personale e comunitaria, nelle celebrazioni liturgiche, nella partecipazione condivisa all’Eucarestia e nella lettura meditata della Parola di Dio, anche attraverso il metodo monastico della lectio divina. Il legame con la tradizione monastica si esprime particolarmente nelle Settimane Teologiche, avviate da monsignor Montini nel 1934 e ospitate dalla Comunità benedettina di Camaldoli, che costituiscono un importante appuntamento di formazione teologica, in dialogo con la
tradizione viva della Chiesa e con la cultura del proprio tempo.

Strettamente legato all’approfondimento teologico e culturale è l’impegno della F.U.C.I. per l’educazione ad una coscienza politica intesa come formazione di uomini e donne che, sensibili alla ricerca del bene comune e alla difesa dei diritti di ciascuno, sappiano mettersi responsabilmente e generosamente a servizio non solo della comunità cristiana, ma anche della comunità civile. Pertanto si impegna ad educare alla professionalità, per fornire un servizio serio e competente nel futuro ambiente di lavoro; a provocare interesse e senso critico riguardo le questioni e i problemi che investono il mondo contemporaneo; ad attivare il dialogo con le istituzioni e le organizzazioni civili per consolidare la collaborazione e far crescere in ciascuno la coscienza di una cittadinanza attiva e responsabile. Nell’Università la F.U.C.I. si impegna a creare occasioni di confronto costruttivo su tematiche inerenti il mondo universitario e il suo continuo aggiornarsi. Invita alla partecipazione attiva alla vita studentesca.

La struttura federativa della F.U.C.I. favorisce la partecipazione democratica di tutti i suoi aderenti alla vita e all’attività della Federazione. Le procedure democratiche, le modalità deliberative, il rispetto delle regole conosciute e condivise da tutti sono preziose opportunità per educarsi alla corresponsabilità e alla partecipazione. La tradizione di condividere, uomini e donne, le responsabilità ad ogni livello esprime la volontà di ricercare un equilibrio tra sensibilità differenti e complementari, attraverso il dialogo e l’ascolto reciproco.

La F.U.C.I., per la vicinanza di stile formativo e di impegno culturale, mantiene un legame proficuo consolidatosi nel tempo con il M.E.I.C., Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale, che continua e rinnova la storia del Movimento Laureati di Azione Cattolica; con esso condivide la fondazione e l’adesione a Pax Romana, movimento cattolico internazionale di intellettuali e professionisti, nato dopo la Prima Guerra mondiale per promuovere la pace e i diritti umani.

La F.U.C.I., infine, è co-fondatrice e aderente alla Jeci-Miec, Jeunesse Studiante Catholique Internazionale – Mouvement Internazionale des Etudiantes Catholiques, il coordinamento internazionale delle aggregazioni studentesche ecclesiali del quale sostiene e promuove le attività, sperimentando l’importanza di una apertura di orizzonti verso l’Europa ed il mondo.

  1. La Federazione Universitaria Cattolica Italiana, che in seguito sarà denominata F.U.C.I. e fondata nel 1896, è una aggregazione ecclesiale di gruppi di studenti universitari.
  2. I gruppi della F.U.C.I., che si riconoscono pienamente nelle quattro note caratteristiche dell’azione cattolica precisate dal Concilio Vaticano II (Apostolicam Actuositatem, n. 20), operano nella Chiesa particolare e nelle Università.
  3. La Presidenza Nazionale della F.U.C.I. ha sede in Roma.
  1. La F.U.C.I. si propone di formare nei giovani studenti universitari una matura coscienza cristiana orientata alla corresponsabilità ecclesiale e civile, e di sostenerne il cammino di fede. La F.U.C.I. offre un cammino per la formazione integrale della persona, attraverso percorsi di approfondimento culturale, teologico e spirituale nello stile della ricerca, del dialogo e del confronto con la cultura tutta.
  2. La F.U.C.I. partecipa come realtà studentesca alla missione della Chiesa nel mondo dell’Università, attraverso la modalità della mediazione culturale, intesa come sintesi vitale tra fede e cultura.
  3. La F.U.C.I., nella Chiesa particolare, sollecita e incoraggia l’impegno e la formazione culturale come vocazione di tutta la comunità ecclesiale.
  4. La F.U.C.I. condivide e promuove i valori della partecipazione democratica, del pluralismo e della solidarietà, al fine di educare gli studenti universitari all’esercizio della cittadinanza responsabile.
  5. La F.U.C.I non ha fini di lucro.